Sanzioni crescenti verso la Russia

Le nuove sanzioni colpiscono principalmente il settore bancario, petrolifero e militare. Gli Stati Uniti hanno sanzionato singole banche, aziende e individui e formalizzato il divieto a soggetti statunitensi di intrattenere rapporti commerciali e finanziari con tali controparti. L’Unione Europea ha varato sanzioni individuali contro esponenti politici, vietato l’accesso al mercato dei capitali in Europa ad alcune banche russe, e proibito l'import/export di beni militari e l’esportazione di tecnologia destinata al settore petrolifero russo.

L’attuale situazione potrebbe evolvere in due potenziali scenari. Una stabilizzazione della crisi ucraina potrebbe portare ad un progressivo allentamento del quadro sanzionatorio e contenerne l’impatto sull'economia russa. Al contrario un’escalation delle violenze o il possibile intervento militare della Russia in Ucraina potrebbero determinare un ulteriore inasprimento del quadro sanzionatorio, con un impatto più marcato sia sull’economia russa che sulle aziende esportatrici italiane.

Secondo le stime SACE l’export italiano sarà negativamente colpito dalle nuove sanzioni contro la Russia con una possibile riduzione dell’export Made in Italy in Russia nel biennio 2014-2015 compreso tra 0,9 e 2,4 miliardi di euro a seconda dell’evoluzione dello scenario. Il settore più esposto all’impatto delle sanzioni è la meccanica strumentale che potrebbe registrare una perdita di esportazioni tra 0,5 e 1,0 miliardi di euro nel biennio 2014-2015.

L’interferenza della Russia nel conflitto in Ucraina è stata la principale ragione dell’intervento di USA e UE nei rapporti tra i due paesi tramite l’adozione di sanzioni a partire dello scorso marzo. L’appoggio russo ai movimenti separatisti ucraini e l’annessione della Crimea alla Russia sono stati gli elementi che hanno spinto la comunità internazionale a prendere posizione contro l’ingerenza russa nella politica ucraina. Tra marzo e luglio le sanzioni adottate da Stati Uniti e Europa sono state progressivamente inasprite.

I provvedimenti inizialmente hanno colpito esponenti politici ucraini e russi tramite  travel ban e congelamento degli asset. I provvedimenti adottati dagli USA nei successivi round hanno introdotto il divieto formale per i soggetti statunitensi di condurre attività commerciali e finanziarie con soggetti russi, tra cui spiccano i nomi di aziende del settore energetico (Novatek e Rosneft) e bancario (Gazprombank e Vnesheconombank). L’Europa ha invece sanzionato esponenti politici e economici russi e ucraini ed ha approvato  la sospensione di nuovi programmi di finanziamento diretti alla Russia da parte della Banca Europea per gli Investimenti (BEI) e della Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo (BERS).

L’abbattimento del volo MH17 malese in Ucraina e il presunto coinvolgimento dei separatisti filorussi hanno spinto Stati Uniti e UE a inasprire le sanzioni contro la Russia, estendendole ai settori bancario, militare e petrolifero. ll Tesoro americano ha inserito nella lista delle banche russe sanzionate tre importanti istituti bancari (VTB, Bank of Moscow e Russian Agricultural Bank).

L’accordo tra i 28 paesi europei ha invece vietato l’accesso al mercato dei capitali in Europa ad alcune banche russe (Sberbank, VTB, Gazprombank, VEB, Russian Agricultural Bank). È stata inoltre sospesa l’attività di import/export per il settore militare e sono state bloccate le esportazioni di beni destinati al settore petrolifero russo (in particolare i segmenti dell’esplorazione e produzione di petrolio in acque profonde e nelle aree dell’Artico e produzione dello shale oil).

GLI IMPATTI SULL’ITALIA E LE IMPRESE ITALIANE

I paesi dell’Unione Europea, alla luce degli stretti legami commerciali con la Russia, registreranno effetti negativi legati alle sanzioni. La Russia infatti è un mercato strategico per l’Europa sia dal punto di vista energetico (Mosca fornisce circa il 32% del fabbisogno energetico europeo) che commerciale (la Russia assorbe oltre il 7% delle esportazioni europee). A livello europeo i paesi maggiormente esposti al rischio di un calo dell’interscambio commerciale sono Germania e Italia, principali partner commerciali della Russia.

L’impatto della situazione russa sulle esportazioni italiane sarà significativo. Le recenti evoluzioni dei rapporti tra Russia e Ucraina e la reazione della comunità internazionale fanno ipotizzare due scenari principali:

Scenario stabile
Questo scenario ipotizza una lenta de-escalation delle violenze in Ucraina con la fine degli scontri armati tra esercito governativo e separatisti mantenendo tuttavia un’instabilità politica nel paese tra le regioni orientali e il governo centrale. In questo scenario la Russia eviterebbe un intervento armato in Ucraina a supporto dei separatisti ma manterrebbe un’ingerenza latente nella politica del paese attraverso il controllo de facto della Crimea e il supporto politico alle minoranze filorusse. Il quadro sanzionatorio di USA e UE verrebbe mantenuto o progressivamente limitato a colpire singoli soggetti.

In questa ipotesi la Russia registrerebbe una performance economica debole (con una crescita negativa stimata a -0,5% nel 2014 e una leggera ripresa a 0,8% nel 2015) principalmente a causa della riduzione degli investimenti. In questo scenario l’export italiano subirebbe una contrazione di circa il 9% nel 2014 e un recupero dello 0,5% nel 2015 per una perdita totale di esportazioni pari a €938 milioni nel biennio. La riduzione sarebbe più marcata nel settore della meccanica strumentale, particolarmente colpita dal blocco delle esportazioni previsto nelle sanzioni attuali, con una potenziale perdita di export di quasi €500 milioni nel
biennio 2014-2015.

Scenario pessimistico
Questa ipotesi prevede un’escalation delle violenze con l’intervento militare russo in territorio ucraino a supporto dei separatisti per un periodo limitato (3 mesi), la chiusura delle pipeline russe che attraversano l’Ucraina, la fuga dei capitali dalla Russia e l’aumento dei tassi di interesse. Questa situazione comporterebbe l’inasprimento del quadro sanzionatorio da parte degli USA, pur senza contemplare in questo scenario la misura estrema di esclusione del sistema bancario del paese dal circuito del dollaro, e UE contro la Russia. L’attività economica russa registrerebbe una brusca frenata (-2,2% nel 2014 e -4,5% nel 2015) a causa del drastico calo degli investimenti e dei consumi e una trasmissione dell’instabilità alla valuta locale con un forte deprezzamento del rublo.

In questo scenario il rallentamento dell’export italiano sarebbe pari al 12% nel 2014 e dell’11% nel 2015, esteso a più settori anche alla luce del probabile inasprimento del quadro sanzionatorio. In questo caso l’Italia registrerebbe una perdita totale di esportazioni pari a €2,4 miliardi nel biennio 2014-2015. di cui 1 miliardo nel settore della meccanica strumentale.

Scarica il rapporto completo

Fonte: SACE - Focus ON Marzo - Luglio 2014

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...