Crisi del settore vinicolo australiano

(ICE) - ROMA, 12 FEB - La stagione della vendemmia in Australia e’ iniziata gia’ da qualche settimana ma le previsioni della raccolta parlano di una diminuzione rispetto a quella dell’ anno scorso che era stata di 1,83 milioni di tonnellate.

Numerose grandi aziende vinicole hanno affermato di voler tagliare la richiesta di uve dai produttori, tra queste la Treasury Wine Estate per esempio che diminuira’ del 15% il proprio fabbisogno e paghera’ fino al 30% in meno per alcune varietà di uve. 

L'Associazione di produttori “Wine Grape Growers Australia” afferma che tale iniziativa, insieme alla minore produzione del 2014 a causa di condizioni climatiche poco favorevoli, causera’ la chiusura di circa 500 aziende associate. Inoltre circa il 50% dei 6 mila produttori afferma di non aver registrato profitti dal 2010. 

La Ciatti, societa’ internazionale di “wine brokers” afferma che la riduzione della richiesta di uve da parte delle aziende vinicole potrebbe toccare l’ 85% a causa della mancanza di spazio a disposizione nelle aziende vinicole stesse, e’ ancora notevole infatti la riserva di vino della passata stagione. 

Fonte : ICE SYDNEY

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...