La Russia sostiene economicamente i suoi vicini

La Russia intende aiutare i suoi vicini.
In particolare, un nuovo prestito fino a 2 miliardi di dollari, restituibili in 10 anni, sara’ erogato alla Bielorussia.

Lo ha comunicato il presidente Putin parlando dopo la conclusione della riunione del Consiglio di Stato Superiore Russia-Bielorussia. Vladimir Putin ha spiegato che la necessita’ del nuovo prestito deriva dalla situazione nei mercati internazionali.

Aleksandr Lukashenko, da parte sua, ha detto che questo prestito non deve essere considerato come un regalo alla Bielorussia, perche’ tra i due paesi esistono stretti legami di cooperazione. Il presidente bielorusso ha rilevato che il suo paese compra il 60-70% della produzione delle aziende russe. In tal modo, il prestito di Mosca servira’ per sostenere non solo l’economia bielorussa, ma anche quella russa. La Bierlorussia ha bisogno di questo prestito per modernizzare le sue aziende e supportare la moneta nazionale.

Il crollo dei prezzi nel mercato del potassio ha inflitto un duro colpo all’economia della Bielorussia, lasciando il paese praticamente senza valuta pregiata di cui ha tanto bisogno, ha spiegato l’economista Vladimir Osakovsksij della banca “Bank of America Merrill Lynch”.

La bilancia dei pagamenti della Bielorussia e’ in deficit, il paese ha bisogno di valuta straniera ma le entrate attuali non bastano. Quindi ci vogliono dei prestiti e degli aiuti finanziari.

Giorni fa dal Fondo del benessere nazionale della Russia e’ stata stanziata la prima tranche del prestito all’Ucraina che ammonta a 15 miliardi. I soldi vengono prestati al tasso del 5% annuo. La parte restante della somma in questione potra’ essere ricevuta da Kiev gia’ all’inizio del 2014. I soldi prestati da Mosca basteranno all’Ucraina per ripagare tutti i debiti della Banca nazionale e del Ministero delle Finanze, e per stabilizzare l’economia del paese nei prossimi due anni. Grazie a questo prestito Kiev potra’ evitare il default. I soldi servono per salvare il bilancio del paese, spiega l’economista della Deutsche Bank, Jaroslav Lisovolik.

La maggior parte di questi soldi serve per fronteggiare i problemi sociali. Probabilmente cio’ potra’ alleggerire un po’ la situazione dal punto di vista della ricerca di nuove fonti di finanziamento della spesa pubblica. Si potra’ anche diminuire la pressione sull’economia ucraina.

Durante tutto l’anno l’Ucraina ha cercato aiuti finanziari all’estero. Dice l’analista della Raiffeisenbank, Denis Poryvaj:

La Russia ha comprato dei bond ucraini. Si tratta dei cosiddetti debentures, cioe’ l’Ucraina e’ libera di decidere come spendere questi soldi e come sviluppare la propria economia. In casi come questo, i bond sono uno strumento piu’ flessibile.Grazie agli aiuti della Russia le agenzie internazionali hanno rivisto il rating dell’Ucraina: da negativo e’ passato a stabile.

Fonte: La voce della Russia

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...