Battaglia sui domini web ".wine" e ".vin" : La Commissione Europea alza la voce

Di fronte alla mancanza di progressi sulle discussioni sul ".wine" e ".vin" e alla vigilia di una decisione importante da ICANN , la Commissione europea ha deciso di fare la voce grossa. Ci sono volute due iniziative forti. In primo luogo una lettera, datata 12 settembre, all'attenzione del Consiglio di ICANN in cui il Commissario europeo per l'Agenda digitale europea, Neelie Kroes chiede a ICANN di non delegare l'uso dei domini web ".wine" e ".vin" . Poi, un incontro il Lunedi, September 16, tra il commissario Kroes e il Presidente di ICANN. L'esecutivo Ue ha già segnalato che il suo rapporto con questa organizzazione può dipendere da questo caso.

La creazione di nuovi nomi di dominio di primo (oggi ". Com", ". Eu", ecc) sta ancora causando dibattito. Ciò è particolarmente vero nel settore del vino, dato che i problemi per la delega di alcuni nomi a dominio potrebbe compromettere la protezione delle indicazioni geografiche (IG).

Per mesi, il settore vitivinicolo europeo ha denunciato i rischi connessi al consumo delle frodi, contraffazioni, cybersquatting e appropriazione indebita di notorietà. Ora, la Commissione europea sta alzando la voce facendo pressione su ICANN. Il commissario europeo per l'Agenda digitale ha chiarito la posizione della Commissione in una lettera inviata al Consiglio di ICANN il 12 settembre 2013. 

Il Commissario Kroes osserva che i tentativi del settore del vino per trovare una decisione adatta con le imprese candidate hanno fallito. Viste le "implicazioni giuridiche, la sensibilità politica e gli interessi economici", la Commissione invita il Consiglio di ICANN a non delegare i domini di primo livello ".wine" e ".vin" fintanto che le norme relative alla protezione delle indicazioni geografiche non sono inclusi. 

Il Commissario Kroes invita alla cooperazione tra le parti e sottolinea che la credibilità di ICANN è in gioco, questa posizione dell'Unione europea è stata ribadita durante l'incontro del 16 settembre, con il presidente della ICANN .

EFOW, la European Federation of Origin Wines, accoglie con favore il chiaro messaggio inviato dalla Commissione. Il Presidente di EFOW, Riccardo Ricci Curbastro, ha dichiarato:
"ICANN ed i candidati alla gestione di questi domini web, devono essere consapevoli che si trovano ad affrontare un fronte unico a livello europeo ed hanno ancora la chiave per la soluzione. Ci sono due opzioni:.. sia, finalmente impegnarsi con noi per trovare un compromesso adeguato per consentire ". wine" e ".vin" da delegare, o continuano ad ignorare noi e sarà responsabile per il fallimento di questi due nomi di dominio. Ribadiamo che siamo pronti a sostenere ogni candidato e dossier che proteggerà le nostre denominazioni certificate ".
Fonte : Federazione Europea Origine dei Vini ( EFOW )

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...