Contributi anno 2013 per attività promozionali per l'internazionalizzazione delle imprese

Contributi a favore di Associazioni, Enti, Istituti, Camere di Commercio italo-estere per lo svolgimento di attività promozionali.
Anno 2013.

Scopo della concessione:
I contributi sono finalizzati a sostenere lo svolgimento di un progetto composto da una o più specifiche attività promozionali, di rilievo nazionale, per l’internazionalizzazione delle piccole e medie imprese realizzate da Associazioni/Enti/Istituti/Camere di Commercio italo-estere.

Soggetti destinatari e requisiti:
Associazioni di categoria maggiormente rappresentative del tessuto imprenditoriale di riferimento a livello nazionale, Enti e Istituti operanti a livello nazionale, nonché le Camere di commercio italo-estere iscritte all’Albo di cui all’articolo 22, comma 1 della legge 29 dicembre 1993, n. 580.

Progetto e iniziative finanziabili:

Il progetto di internazionalizzazione:
  • deve prevedere specifiche attività promozionali, di rilievo nazionale, per l’internazionalizzazione delle piccole e medie imprese;
  • deve prevedere una spesa ammissibile non inferiore a € 100.000,00 e non superiore a € 600.000,00;
Sono agevolabili le seguenti iniziative:
  • partecipazioni a fiere e saloni internazionali;
  • eventi collaterali alle manifestazioni fieristiche internazionali;
  • workshp/seminari/eventi promozionali all’estero o in Italia con operatori esteri;
  • missioni di “incoming” di operatori esteri;
  • incontri bilaterali fra operatori;
  • azioni di comunicazione/promozione sul mercato estero (riviste, radio e televisione, web;
  • attività di formazione specialistica per l’internazionalizzazione;
  • road show promozionali;
  • realizzazione di siti internet in lingua estera;
  • attività promozionali tramite specifiche applicazioni web;
  • iniziative promozionali a beneficio dei giovani imprenditori, dell’imprenditoria femminile e delle start up
Tipologia contributi:
L’agevolazione, concessa a fondo perduto, non potrà superare il 50% delle spese sostenute e ritenute ammissibili. Nell’ipotesi in cui la dotazione finanziaria non sia sufficiente a garantire l’erogazione dei contributi nella citata percentuale massima si procederà alla determinazione dei contributi stessi attraverso il riparto proporzionale delle risorse disponibili.

Riferimenti e documentazione.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...